Emigrante

Per i post relativi all'immigrazione in UK pregasi cliccare "Inghilterra" nell'indice a destra, piccoli bambini speciali!

sabato 29 ottobre 2016

Teste di minchia part 11 - Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia

Cari amici completamente rimbesuiti dal superskank, sono felice di farmi risentire. Non preoccupatevi se i vostri commenti non appaiono: devo censurarne il 90% perche' sembrano scritti da un cinese che ha fatto due settimane di corso intensivo di italiano, ma vi voglio bene lo stesso!


Ieri mi sono eccitato a morte guardando Game of Thrones, e ho cominciato a cercare qualcosa per sfogare la mia eccitazione:

Tyrion, quanto sei figo con quella barba!

Stavo cercando un bel pornazzo gayo interraziale con nani sfregiati, e invece mi sono trovato di fronte questo video. Misteri di Google.


OK, la mia eccitazione è andata irrimediabilmente a farsi fottere. Vediamo di non sprecare del tutto la serata e di analizzare il video. 

L'anal-isi del video


Premettiamo che Mentana è il tipico servo di mestiere che in un paese decente farebbe il lustrascarpe, il cameriere o lo schiavo anale in un dungeon sadomaso. Mentana ha la stessa intelligenza di un tonno, ma è stato bravo nel mettersi al posto giusto e nel ripetere fedelmente tutto quello che gli diceva il suo padrone, senza mai deviare di una virgola e senza mai avvicinarsi ad argomenti che potessero innervosire i padroni. Probabilmente crede veramente alle cazzate che dice e non ha proprio il cervello per capire le conseguenze di quello che sta dicendo. 

Per chi non avesse voglia di vedersi il video, lo riassumo:

MENTANA: I giovani di oggi sono senza palle, non fanno altro che stare col cellulare in mano e con l'Iphone nell'altra, che aspettano a protestare e a guadagnarsi i loro diritti? Noi ai loro tempi ci siamo guadagnati i nostri diritti con le manifestazioni.

RAGAZZA DAL PUBBLICO: Ma veramente, io sono laureata in filosofia, il sistema fa schifo e i politici se ne fregano delle nostre manifestazioni, non ci aiutano, non ci danno spazio.

MENTANA: Zitta, cogliona. Se volete i diritti tirate fuori le palle e combattete.

RAGAZZA DAL PUBBLICO: Ma mi mi mi mi... E perchè i politici non ci aiutano? Perchè mammina non ci tira fuori da questa situazione? E Babbo Natale? Dov'è? Perchè non ci aiuta lui?

MENTANA: Ma zitta, inutile testa di cazzo. 


La figura di Mentana


Mentana forse vuole dimenticarsi il fatto che la sua generazione ha ottenuto i diritti "obtorto collo", ovverossia con la VIOLENZA. Le manifestazioni non erano i girotondi pacifici di oggi (che non contano un cazzo), ma roba che ha lasciato parecchi morti. Forse Mentana non capisce che in caso di rivolta seria, uno dei primi a finire al muro sarebbe il suo padrone, con lui come secondo. Probabilmente lo sa, ma si rende conto del fatto che i giovani italiani sono talmente senza palle che le sue probabilità di finire al muro sono intorno allo 0.91%. Insomma, diciamo che Mentana al 50% ci è, e al 50% ci fa. In ogni caso, lui ha il culo parato e può dire quello che vuole.

La figura della ragazza


Iniziamo col dire che questa ragazza si presenta come povera disoccupata con un maglione da 300 euro e una laurea letteralmente inutile. Immagino il dialogo che c'è stato a casa quando lei ha deciso di iscriversi a Filosofia:



RAGAZZA: Ho deciso di laurearmi in Filosofia!

FRATELLO: Brava! Hanno appena aperto una fabbrica di Filosofia a Green Bay!

A parte gli scherzi, la ragazza si è presentata pigolante, indecisa, senza nessuna argomentazione chiara a parte l'idea che i politici avrebbero dovuto trovarle un lavoro. Da dove venga questa idea che dovrebbero essere i politici a trovarle un lavoro, non si sa. 

Posso anche giustificare l'errore di essersi laureati in una facoltà inutile. Alla fine, le cazzate nella vita si fanno. Io stesso ne ho fatte di peggiori. Però, dopo avere fatto una cazzata la cosa migliore è cercare di ripararla, non piangerci sopra. Hai una laurea inutile? Cerca di lavorare col diploma. Prenditi una qualifica professionale. Impara a vendere e vai a fare la promoter. Emigra. Impara una skill utile e sfruttala. Soprattutto, non chiedere al politico di trovarti un lavoro (a meno che tu non lo abbia spompinato divinamente, ma quella è un'altra storia).

Vieni qua, filosofa! Ci sono tanti cannoli da assaggiare!

Conclusioni


OK, scusate, ho divagato di nuovo. La mia conclusione è semplice: se quelli della mia età sono delle mezzeseghe come quelle che vedo in giro, allora si meritano di finire disoccupati, ciondolare a casa di papà e mammà finchè non crepano e poi passare una vita da barboni. E lo sapete perchè? Perchè non avranno MAI le palle di ribellarsi. Vi siete mai chiesti come mai i governi italiani sono sempre attentissimi alle esigenze dei "fratelli migranti", mentre dei "nuovi poveri" italiani se ne fottono? Semplice! Perchè se lasci un giovane italiano alla fame, quello ti scriverà un Twitter indignato, e poi se ne andrà a morire dietro i cassonetti. Prova a trattare un giovane immigrato come tratti gli italiani, e quello ti metterà la città a ferro e fuoco.

Secondo voi un politico avrà paura di questo:

Tipico giovane laureato italiano

Oppure di questo qua?

Immigrante a Rosarno, credo

Insomma, i giovani senza palle stanno avendo quello che si meritano. Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia. In un paese decente, uno dei giovani presenti all'incontro avrebbe dovuto prendere nota, e gambizzare Mentana la settimana dopo. Non credo proprio che Mentana abbia la stessa fibra di Montanelli, che ha continuato a scancherare senza fermarsi un secondo anche dopo essersi preso due proiettili nelle gambe! Un paio di episodi del genere, e vedremmo i giornalisti iniziare a fare meno gli stronzi e gli sbruffoni verso i giovani. Ma tanto, i giovani sono un branco di eunuchi castrati alla nascita. I giornalisti possono dormire sonni tranquilli.

No, non quel tipo di eunuchi, cazzo. Quelli hanno le palle. Più o meno.


POST SCRIPTUM


Mi è stata rivolta una domanda interessante, ossia: "Parli tanto, ma perchè non lo hai fatto tu?". Ottima domanda! La risposta è semplice: io ho avuto le palle di riqualificarmi e di emigrare. Ora godo di ottime condizioni di vita, di uno stipendio dignitosissimo e di una certa sicurezza per il futuro. Perchè dovrei buttare via tutto per un branco di rincoglioniti che sanno solo mandare Twitter e messaggi di Facebook? Questa è una cosa che dovrebbero fare quelli che non hanno nulla da perdere, ma loro hanno perso i testicoli per strada. Quelli con le palle e la motivazione giusta hanno fatto strada all'estero, e non provano molto amore per quelli che sono rimasti. Quindi, spiacente. Io, la mia vita c'è l'ho. Se siete disperati come dite, datevi da fare e almeno crepate con una soddisfazione da parte. Tanto, siete destinati a fare i barboni comunque, cosa avete da perdere?





7 commenti :

  1. Porcoddio, mi sei mancato!
    La Temporanea

    RispondiElimina
  2. Avete mai fatto caso a come quelli che parlano di resistenza, lotta, rivoluzione e altre cagate così siano quasi sempre quelli che in vita loro non si sono mai presi mezza mazzata in testa? Tutti dall'animo eroico, tutti rivoluzionari finché si tratta di parlare. Poi quando bisogna passare ai fatti devono essere gli altri a scendere in piazza e a manifestare. Non loro. Perché loro sono i guardiani dei buoni valori e degli alti ideali, e il lavoro di guardiano gli frutta troppo bene per prendersi qualche giorno di sciopero. Io non ci sono mai sceso a fare proteste in piazza, non ne ho mai avuto vero motivo, ma ho conosciuto gente che le manifestazioni vere le ha fatte ed ha rischiato grosso, tutto per nulla. E guarda caso il consiglio che queste persone mi hanno sempre dato è "vattene da questa fogna e trova un posto dove abbia senso lottare per i propri diritti". Inutile dire che ho ascoltato il consiglio molto più volentieri di tutte le altre stronzate da militante farlocco da centro sociale.

    Mentana è solamente l'ennesimo oratore col culo parato che si permette di andare a dire agli altri cosa devono fare, l'Italia è dannatamente infestata da questi parassiti e non vedo l'ora che qualche terremoto o tromba d'aria di troppo li gettino definitivamente nel cesso insieme a tutto il resto. Provo sinceramente pena per persone come la giovane filosofa, perché in fin dei conti sono soprattutto vittime. Vittime di un modo di educare i ragazzi che prima li carica di illusioni e di belle speranze, li spinge a studiare cose sostanzialmente inutili col pretesto della cultura e tutte le manfrine da "siamo il Belpaese delle arti e del Rinascimento" e poi li sbatte in pasto a una realtà devastata fino al midollo senza dargli modo di prepararsi a ricevere il colpo. I giovani d'oggi sono stati cresciuti nell'illusione di essere dei piccoli fiocchi di neve speciali che cambieranno il mondo e diventeranno tutti grandi leader illuminati, e quando si rendono conto che non è assolutamente vero è già troppo tardi. Una generazione intera allo sbando totale, priva del benché minimo punto di riferimento, capace solo di vivere alle dipendenze di quegli stessi genitori che gli hanno tarpato le ali alla nascita. Difficile immaginarsi una realtà più tragica di questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento, per una volta vedo qualcuno che scrive in italiano corretto con congiuntivi e condizionali. Secondo me sei un indiano che ha studiato italiano all'universita'. Tornando a noi, non vedo i giovani come delle vittime innocenti. Hanno raccontato un sacco di stronzate anche a me, ma io ho avuto il coraggio di darmi da fare e di ammettere di essermi fatto prendere per il culo per anni. A questo punto, cambiare percorso e' facile (a meno che tu non abbia 45 anni e tre figli). Forse saprai che la cosa piu' difficile dell'avere a che fare con le "vittime" delle truffe e' che quasi sempre non vogliono ammettere di essere state truffate, e preferiscono farsi rubare da un delinquente pur di non esporsi al processo e al giusto dileggio di quelli che li conoscono. Per il resto, dove sei emigrato?

      Elimina
    2. Non li definirei "vittime innocenti", direi più "vittime compiacenti". Compiacenti perché bene o male hanno preso quel che gli meritava prendere dalla mentalità distorta e opportunista dei propri genitori e ci hanno sguazzato finché hanno potuto a suon di anni fuori corso all'uni, erasmus e tante altre forme di fancazzismo da mantenuti. La pena che provo per loro è una pena diversa da quella che si può provare chessò, per un bambino del Biafra che muore di fame; è più il genere di pena che si prova vedendo uno che fa un volo dal cornicione perché stava a farsi il selfie sul vuoto, pensi "povero stronzo" e poi te ne dimentichi. Forse avrei dovuto specificarlo.

      Per rispondere alla tua domanda, ahimé, un po' per soldi e un po' per motivi sentimentali non sono ancora riuscito a levare le tende da questa valle di lacrime. Punto il Canada da un pezzo e mi sto informando su come presentare domanda di permesso di lavoro, il mio obiettivo attuale è riuscire ad andarmene entro la fine del 2018. Preferibilmente anche prima, visto che qua ogni giorno che passa le cose vanno sempre peggio e non credo di poter resistere ancora a lungo.

      Elimina
    3. Minchia, il Canada non e' proprio dietro l'angolo! Inoltre, mi hanno detto che ottenere il visa non e' esattamente facile. (ma sempre meno rognoso dell'Australia, e quantomeno non ci sono i ragni giganti velenosi e stupratori) Fammi sapere come ti va a finire, soprattutto riguardo a work visa e a qualifiche locali. Se vuoi scrivere un articolo a proposito sei il benvenuto, io in Canada non ci sono mai stato e non credo ci andro' mai.

      Elimina
    4. Mi sembra di poter sostenere che culturalmente il Canada è quanto di più vicino alla civiltà europea ci sia al di fuori dell'Europa stessa.
      A dirla tutta - visto da fuori e con tutti i limiti che può avere un tale punto di vista - il Canada è più europeo di molti stati europei. Mi viene in mente Londonistan, tanto per fare un nome...

      Elimina
    5. Raphael, Raphael, io proprio non ti capisco. Mi condividi e commenti un articolo che incita alla ribellione e al prendersi i propri diritti con la forza, ossia esattamente il contrario della moralita' cristiana. Tanto per dirti, il bravo cristiano si paragona di solito ad una pecora che si fida ciecamente del suo buon pastore. Ti rendi conto che questo articolo e' piu' anticristiano di una serie di bestemmie sataniche?

      Elimina

Ma che cazzo vuoi? Chi sono secondo te, quel porco di cristo?